.:: Camera di Commercio di Lecce ::.

Home > Servizi alle imprese > Commercio estero > Certificati d'origine
Certificati d'origine

Il certificato di origine è un documento - rilasciato per esigenze doganali e/o commerciali su modello comune ai Paesi dell’Unione Europea - che attesta l'origine delle merci esportate in via definitiva.
Può essere richiesto alla Camera di Commercio nella cui circoscrizione l’impresa   ha la propria sede (legale, operativa  o  unità locale) oppure presso la CCIAA nella cui circoscrizione un’impresa estera ha sede secondaria o unità locale, risultante dal Registro delle Imprese; eccezionalmente, può essere rilasciato dalla Camera di Commercio ove il richiedente si trova con la merce da spedire all’estero, previa  autorizzazione  da parte della Camera  competente territorialmente.

Le disposizioni per il rilascio dei certificati di origine - impartite dal Ministero dello Sviluppo Economico con Nota del 26 agosto 2009 d’intesa con Unioncamere - sono in corso di aggiornamento,  a seguito dell’emanazione del Nuovo Codice Doganale dell’Unione Europea, il Regolamento UE n. 952 del 9 ottobre 2013.

Il Nuovo quadro normativo del CDU comprende :

•    il Regolamento delegato UE n. 2446/2015 (art. da 31 a 36) e l’ Allegato 22.01;
•    il Regolamento di esecuzione UE n. 2447/2015 , che disciplina la prova d’origine per i prodotti soggetti a regimi speciali di importazione nell’UE (artt. da 57 a 59);
•    il Regolamento delegato transitorio del CDU – che stabilisce misure transitorie fino a quanto non saranno operativi i sistemi elettronici pe l’applicazione delle disposizioni del Codice.

Importante riferimento normativo sono, anche, le Linee Guida Eurochambres, - regole di origine non preferenziale da applicare alla merce europea destinata al mercato extraue - consultabili al sito
http://www.eurochambres.eu/custom/EUROCHAMBRES_Guidelines_-_rules_for_non_preferential_origin.Final-2016-00140-01.pdf

Per richiedere il certificato di origine occorre, in via preliminare, che il legale rappresentante dell’Impresa depositi la propria firma presso l’Ufficio Commercio Estero della Camera di Commercio, utilizzando l’apposito modulo presente sul sito. Successivamente l’impresa potrà richiedere – online – la password necessaria per la richiesta telematica del certificato.

Compilazione del certificato di origine  

Documentazione da presentare on-line, unitamente alla richiesta di certificato di origine, per consentire alla Camera di Commercio la prescritta attività di accertamento propedeutica al rilascio del documento:
-    nel caso di merce prodotta  interamente in Italia o altro Stato membro della Comunità Europea – occorre che la domanda rechi, sul retro, la denominazione dell’impresa e l’indirizzo del relativo  stabilimento di produzione o dove è avvenuta  l’ultima lavorazione sostanziale che ha fatto acquisire alla merce l’origine italiana o comunitaria. 

A questo proposito, si precisa che tale dichiarazione, a firma del  legale rappresentante  dell’impresa, ha valore di dichiarazione sostitutiva di atto notorio (art. 47 del DPR 445/2000) che comporta  responsabilità anche penali del firmatario;  di conseguenza,  in caso di falsa dichiarazione,  la Camera di Commercio è tenuta alla denuncia alla Procura della Repubblica, così come previsto dall'Art. 76 del DPR 445/2000, che disciplina le dichiarazioni sostitutive.
In base all’art. 71 del DPR 445/2000, la Camera di Commercio effettua  controlli a campione su tali dichiarazioni;  inoltre, a seconda dei casi, potrà disporne in via preventiva e/o successiva al rilascio.
Ogni qualvolta la Camera ritenga necessario verificare quanto dichiarato, potrà richiedere ogni informazione o documentazione utile a conoscere l’origine della merce.
Il controllo prevede la verifica della conformità tra i documenti originali e quanto dichiarato nell’autocertificazione, integrato da fatture di acquisto, buoni di consegna, dichiarazioni dei fornitori , se del caso, documenti di magazzino che dimostrino la produzione, piani di ammortamento macchinari, dichiarazione del produttore sui processi produttivi.
Si raccomanda all’utenza la massima collaborazione durante l’effettuazione di tali controlli.
Nel caso in cui l’esportatore/richiedente non intenda avvalersi della dichiarazione sostitutiva di atto notorio, potrà sbarrare - sul modulo di richiesta -  tale dichiarazione:  la Camera procederà alla richiesta della documentazione probatoria dell’origine in via preliminare al rilascio del certificato  richiedendo -  se del caso - anche in via diretta,  dichiarazioni e documenti da parte dei fornitori  che non volessero diffondere al cliente informazioni commerciali riservate.

Nel caso in cui  l’esportatore – per motivi di segretezza commerciale - non conosca il nome del produttore e l’indirizzo dello stabilimento di merce fornita da terzi, è consigliabile che richieda preventivamente le dichiarazioni di origine dai propri fornitori, i quali  dovranno, altresì,  dichiarare la propria disponibilità a fornire la documentazione probatoria alle autorità che ne facciano richiesta.
La dichiarazione del fornitore dovrà essere sottoscritta dal legale rappresentante e accompagnata dalla fotocopia del documento di identità in corso di validità.
E’ comunque indispensabile che l’esportatore fornisca alla Camera di Commercio, prima del rilascio del certificato, l'origine della merce ed i contatti del fornitore a cui chiedere la documentazione probatoria in caso di controllo.

Nel caso di più fornitori, in cui non sia sufficiente lo spazio sul foglio rosa per tutte le informazioni, sarà cura dell’esportatore presentare dichiarazione separata a firma del legale rappresentante, specificando il numero del certificato di origine cui la medesima si riferisce.

-    Nel caso di merce di origine extraue, occorrerà esibire , contestualmente alla richiesta del certificato di origine,  uno dei seguenti documenti:

a.    i certificati di origine in originale emessi da  Organismi del Paese terzo abilitati al rilascio. Tale documento sarà conservato agli atti della Camera di Commercio;
b.    bolletta doganale di importazione ;
c.    altri  documenti che giustifichino l’origine della merce: polizze di carico, certificati di qualità e sanitari rilasciati da Enti pubblici abilitati,  lettere di vettura, sempre se su tali documenti è chiaramente indicato  il Paese di origine.

            In mancanza della suddetta documentazione al momento della richiesta di rilascio, l’esportatore potrà avvalersi della dichiarazione sostitutiva (ai sensi dell’art. 47 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445) che giustifichi  i motivi della mancata presentazione del documento originale  indicando il Paese di origine e  gli estremi di tale documento che sarà presentato in caso di controllo successivo e/o a campione da parte della Camera di Commercio di Lecce.

L'impresa avrà cura – a sua tutela - di farsi dichiarare  l'origine dei prodotti importati o direttamente dall'importatore o da eventuali fornitori successivi, tramite dichiarazione del legale rappresentante con allegato documento di identità,  da conservare agli atti aziendali. E' necessario comunque poter risalire ai documenti di importazione del prodotto; i fornitori intermedi che rilasceranno dichiarazioni di origine dovranno altresì rendersi disponibili ad esibire la bolletta import alle autorità competenti, anche direttamente alla Camera di commercio di Lecce  in caso di controllo successivo e/o a campione.

Si sottolinea che le quantità riportate sui documenti sopra elencati devono necessariamente trovare riscontro sul certificato di origine e sulla fattura di vendita. Nel caso in cui tale riscontro risultasse non agevole, occorrerà allegare una dichiarazione aggiuntiva, (scaricabile  nel settore modulistica) nella quale il titolare/legale rappresentante dell’impresa dichiari che la merce di cui ai documenti allegati comprovanti l’origine è la medesima di cui alla fattura di esportazione (citarne gli estremi).
La documentazione presentata deve essere conforme alle regole commerciali.
 
Per la richiesta di certificati di origine è possibile utilizzare la procedura (WEBCO), che consente di compilare in forma telematica il modulo di domanda, allegando la  documentazione utile.
E’ necessario, in questo caso, registrarsi su questo sito, richiedendo la password.

Per la compilazione della richiesta di certificato di origine, per i costi, tempi e modalità di rilascio dei certificati di origine e degli altri documenti per l’estero,  è possibile consultare l' apposita pagina.





 

 
 
 
 
 
 
 
.