.:: Camera di Commercio di Lecce ::.

Home > Comunicazione > In evidenza > Positivo il trend di crescita delle imprese femminili: +800 imprese nel quinquennio
Positivo il trend di crescita delle imprese femminili: +800 imprese nel quinquennio

07-03-2019

Donne al comando di un’impresa crescono. A fine  2018 sono circa 200 in più le imprese femminili iscritte all’anagrafe camerale rispetto all’anno precedente, quasi 800 in più rispetto al 2014. Con questo aumento costante, le 16.503 attività produttive a conduzione femminile rappresentano il   22,4% del totale delle imprese salentine.
Nel registro delle imprese della Camera di Commercio di Lecce sono state effettuate, nel corso dell’anno 2018, 1.400 iscrizioni  e 1.206 cancellazioni, in linea con l’anno precedente, per un tasso di crescita pari all’1,2% che colloca Lecce al 2° posto in Puglia dopo Bari (+1,65%). Le province di Brindisi (+0,95%), Foggia (+0,22%) e Taranto (+1,09%) si collocano tutte al di sotto dal tasso di crescita regionale (1,1%).
“La costante crescita delle imprese femminili nel Salento, sta lentamente cambiando l’organizzazione del business, modificando i suoi processi e creando nuove competenze alcune delle quali tipicamente femminili – commenta Floriana Dell’Orco, Presidente del Comitato per l’imprenditoria femminile istituito presso la Camera di Commercio di Lecce - ed è importante che l’intero sistema economico salentino comprenda che tale trasformazione debba essere non soltanto recepita, ma anche e soprattutto valorizzata ed utilizzata per rilanciare lo sviluppo economico e provare ad essere più competitivi sul mercato.
L’attività d’indagine in ottica di genere che vede impegnata la Camera di Commercio di Lecce ormai da diversi anni, grazie anche alle sollecitazioni del Comitato imprenditoria femminile, appare quasi indispensabile in un momento storico come quello che stiamo vivendo, in  cui economisti di tutto il mondo e policy maker a tutti i livelli, hanno individuato nel ruolo della donna in economia una delle principali leve per rilanciare lo sviluppo economico, sviluppo che avrebbe anche una valenza sociale che è appunto quella di uno sviluppo più equo. Per avere un’idea della forza del contributo che le donne possono fornire alla crescita economica basti solo pensare che, secondo stime dell’International Labour Organization (ILO), a livello internazionale, il potenziale produttivo sottoutilizzato riferito alle donne è del 50%, contro il più ridotto 22% riguardo agli uomini; pertanto apprendere dalla nostra indagine che nella provincia di Lecce la percentuale di giovani imprenditrici al di sotto dei 35 anni supera il 15% è una bella iniezione di ottimismo e di speranza per il futuro.
La strada da fare è ancora lunga, anche e soprattutto in termini di interventi mirati a favorire la crescita del lavoro femminile; ritengo, tuttavia, che per individuare le migliori politiche a favore di uno sviluppo economico nel segno della parità di genere, sia fondamentale conoscere le caratteristiche del ruolo femminile all’interno dell’economia e pertanto continuerò con il mio comitato a promuovere iniziative di indagine e di approfondimento in questo senso perchè è necessario “conoscere per deliberare
”.

Leggi tutto


Esprimi il tuo voto:
Loading........
Voti per questo Articolo: 0
Condividi:
Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter