.:: Camera di Commercio di Lecce ::.

Home > Comunicazione > In evidenza > Positivo (+22,5%) il bilancio 2018 dell'export salentino, grazie anche alla ripresa del calzaturiero
Positivo (+22,5%) il bilancio 2018 dell'export salentino, grazie anche alla ripresa del calzaturiero

04-04-2019

L’export salentino chiude il 2018 con un incremento del 22,5% risultato che colloca la nostra provincia, a livello nazionale,  tra quelle che hanno ottenuto le performance più interessanti e la prima in Puglia. Taranto (-17,4%), Brindisi  (-2,4%) e Bari (-1,9%) purtroppo   non  hanno registrato risultati altrettanto  positivi, la provincia di   Foggia (+3,6%) e quella di  Barletta-Andria-Trani  (+2,2%)  hanno comunque  chiuso l’anno con un segno positivo anche se con risultati di gran lunga più contenuti; complessivamente la regione Puglia chiude il 2018 con una variazione negativa pari a -2,2%. La provincia di Lecce ha però un fatturato estero più contenuto, pari a 609 milioni di euro, rispetto  alle altre province pugliesi, in particolar modo rispetto a Bari, che con i suoi 4 miliardi di euro rappresenta il 50% delle esportazioni della regione, e Taranto, con oltre un miliardo di fatturato estero, e  un  peso del 13,7% sull’export pugliese. Brindisi  e Foggia, rispettivamente, con 953 e 779 milioni di euro  incidono sulle vendite estere della regione con l’11,8% e 9,7%; solo la BAT ha totalizzato  un fatturato inferiore a quello leccese, pari a 573 milioni di euro e un peso del 7,1%. Tenuto conto che  l’export   delle imprese italiane è  ancora in crescita (+3,1%) nel 2018, ma in forte frenata rispetto al 2017, il risultato registrato dalla provincia salentina è ancora più apprezzabile.

“L’ottimo risultato realizzato nell’anno 2018 dal calzaturiero, un fatturato che sfiora i 77 milioni di euro e un  incremento del 35% dell’export di calzature – commenta il presidente della Camera di Commercio, Alfredo Prete - ha contribuito notevolmente all’incremento delle vendite estere delle imprese salentine, facendone   un settore trainante dell’export, subito dopo quello  dei macchinari. Sono state in particolar modo le commesse provenienti dalla  Svizzera (+87%) e Francia (+112,5%) a far lievitare l’export di calzature, paesi verso i quali sono stati fatturati, rispettivamente 35 e 11 milioni di euro. L’azione dell’Ente camerale è tesa a  consolidare la presenza sui mercati esteri delle imprese,  in particolar modo quella che si affacciano per la prima volta all’export e quindi necessitano di un maggior supporto e assistenza. E in tale direzione si inserisce la collaborazione tra Camera di Commercio, tramite lo Sportello internazionalizzazione, e l’Agenzia  delle Dogane, avviata al fine di promuovere un’adeguata informazione e preparazione  per gli operatori economici che intrattengono rapporti commerciali con la Gran Bretagna, che dovranno affrontare  le problematiche nascenti dalla Brexit e le possibile ripercussioni doganali che questa comporterà. Le imprese del Salento nel 2018 hanno esportato in Inghilterra manufatti per  un fatturato di circa 4 milioni di euro, tra l’altro  in crescita di oltre il 48% rispetto all’anno precedente. L’Ente, pertanto, in collaborazione  con l’Ufficio Dogane di Lecce  ha predisposto  un  desk  permanente di assistenza per la risoluzione delle esigenze delle imprese. Nei giorni scorsi si è tenuto EXPORTDAY – iniziativa finalizzata all’assistenza a sportello  agli operatori salentini (quantificati da Unioncamere in  243) che hanno rapporti di interscambio con il Regno Unito, seguita da una un’apposita campagna informativa contenente le “linee guida” da seguire per  adeguare le procedure aziendali in materia di import-export verso il Regno Unito. E’ di prossima realizzazione, inoltre,  un seminario di approfondimento per gli operatori del settore agroalimentare che affronterà più in dettaglio specifici orientamenti sulle disposizioni doganali post “Brexit”.

Leggi tutto


In questa categoria


Esprimi il tuo voto:
Loading........
Voti per questo Articolo: 0
Condividi:
Aggiungi a OkNotizie Aggiungi a del.icio.us Aggiungi a Facebook Aggiungi a Digg Aggiungi a Wikio
Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo Aggiungi a Gooogle Bookmarks Aggiungi a Stumble Upon Aggiungi a Twitter