.:: Camera di Commercio di Lecce ::.

Metalli preziosi

Concessione del marchio di identificazione dei metalli preziosi e iscrizione nel registro degli assegnatari
Sono tenute a richiedere, alla Camera di Commercio territorialmente competente, l’iscrizione nel registro degli assegnatari e la concessione del marchio di identificazione dei metalli preziosi le aziende che esercitano una o più delle seguenti attività:
 

  • Vendita di metalli preziosi (platino, palladio, oro, argento) o loro leghe allo stato di materie prime o semilavorati;
  • Fabbricazione di prodotti finiti in metalli preziosi o loro leghe;
  • Importazione di materie prime o semilavorati o di prodotti finiti in metalli preziosi o loro leghe.

Il marchio di identificazione è anche assegnato a quelle aziende commerciali che, pur esercitando come attività principale la vendita di prodotti finiti di fabbricazione altrui, risultano dotate di un proprio laboratorio idoneo alla fabbricazione di oggetti in metalli preziosi. La concessione è subordinata all’accertamento di tale requisito da parte del personale ispettivo della Camera di Commercio.
Per ottenere l’iscrizione nel registro degli assegnatari e la concessione del marchio d’identificazione occorre presentare domanda in regola con l’imposta di bollo indirizzata alla Camera di Commercio  -  Ufficio di Metrologia legale e metalli preziosi  - Lecce, utilizzando il modello predisposto (preleva nella sezione modulistica).
Alla predetta istanza gli interessati devono allegare:
 

  • Copia della licenza rilasciata dall’autorità di P.S. ai sensi dell’art. 127 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato con regio decreto 18/06/1931 n. 773 e successive modifiche (la licenza non è richiesta per coloro che sono iscritti all’albo delle imprese artigiane);
  • Attestazione del versamento di € 168,00 sul c/c postale n. 8003 intestato all’ufficio del registro tasse di CC. GG. Roma);
  • Attestazione del versamento di € 31,00 sul c/c postale n. 222737 intestato alla C.C.I.A.A. di Lecce per diritti di segreteria;
  • Attestazione del versamento di € 65,00 sul c/c postale n. 222737 intestato alla C.C.I.A.A. di Lecce per diritto di saggio e marchio, se trattasi di aziende artigiane, di aziende commerciali con annesso laboratorio o di aziende importatrici;
  • Attestazione del versamento di € 258,00 sul c/c postale n. 222737 intestato alla C.C.I.A.A. di Lecce per diritto di saggio e marchio, se trattasi di aziende industriali ovvero di € 516,00 se trattasi di aziende industriali che impiegano oltre 100 dipendenti;
  • Per le sole aziende industriali, dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa al numero dei dipendenti impiegati;
  • Richiesta in bollo del valore corrente, su apposito modulo di allestimento dei punzoni riproducenti l’impronta del marchio assegnato (preleva nella sezione modulistica);
  • Dichiarazione di assunzione degli oneri di spesa (preleva nella sezione modulistica).

Allestimento dei punzoni
Per allestire i punzoni recanti il marchio di identificazione assegnato è necessario preliminarmente che l’interessato individui un laboratorio idoneo alla loro fabbricazione. Successivamente occorre presentare alla Camera di Commercio la richiesta in bollo del valore corrente unitamente alla dichiarazione di assunzione di oneri di spesa.
Alla domanda va allegata l’attestazione del versamento dei diritti di segreteria sul conto corrente postale della Camera di Commercio della Provincia ove ha sede il laboratorio presso il  quale saranno allestiti i punzoni.
I punzoni recanti il marchio di identificazione sono ricavati dalle rispettive matrici depositate presso la Camera di Commercio; l’operazione è effettuata presso il laboratorio indicato dall’interessato, alla presenza di personale qualificato delle Camere di Commercio.
Alla costruzione dei punzoni recanti le impronte dei titoli legali provvede direttamente ciascuno degli assegnatari del marchio sotto la propria responsabilità, attenendosi alle norme di cui all’art. 16 del D.P.R. 150/2002..

Per allestire i punzoni recanti il marchio di identificazione assegnato è necessario preliminarmente che l’interessato individui un laboratorio idoneo alla loro fabbricazione. Successivamente occorre presentare alla Camera di Commercio la richiesta in bollo del valore corrente unitamente alla dichiarazione di assunzione di oneri di spesa.
Alla domanda va allegata l’attestazione del versamento dei diritti di segreteria sul conto corrente postale della Camera di Commercio della Provincia ove ha sede il laboratorio presso il  quale saranno allestiti i punzoni.
I punzoni recanti il marchio di identificazione sono ricavati dalle rispettive matrici depositate presso la Camera di Commercio; l’operazione è effettuata presso il laboratorio indicato dall’interessato, alla presenza di personale qualificato delle Camere di Commercio.
Alla costruzione dei punzoni recanti le impronte dei titoli legali provvede direttamente ciascuno degli assegnatari del marchio sotto la propria responsabilità, attenendosi alle norme di cui all’art. 16 del D.P.R. 150/2002.

Applicazione del marchio di identificazione e del titolo legale sugli oggetti in metallo prezioso con la tecnologia laser. Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 17 aprile 2015.
Le ditte assegnatarie del marchio di identificazione dei metalli preziosi che intendono avvalersi della tecnologia laser per apporre il proprio marchio di identificazione e l’indicazione del titolo legale possono presentare domanda presso l’Ufficio Metrico tramite gli appositi modelli predisposti e scaricabili nella sezione modulistica.
Il costo per la produzione e per l’attivazione del servizio è stabilito in forma di diritto di segreteria, in via provvisoria e salvo conguaglio, nella misura di Euro 70,00 per la produzione di un singolo Tokhen USB e di Euro 155,00 per l’attivazione del servizio da versare a favore della Camera di commercio.
La domanda deve contenere  l’indicazione del numero dei Tokhen USB richiesti e , per ognuno di essi, il numero identificativo della marcatrice laser da abilitare.
Alla domanda deve essere allegato il modello contenente le CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER IL RILASCIO DI TOKEN USB PER L’APPLICAZIONE DEL MARCHIO DI IDENTIFICAZIONE E DEI TITOLI LEGALI CON TECNOLOGIA LASER firmato dal richiedente.
 

Rinnovo annuale della concessione del marchio di identificazione
La concessione del marchio è soggetta a rinnovazione annuale entro il 31 gennaio, tramite un versamento di un diritto pari alla metà di quello versato per la concessione.
Il versamento va effettuato sul conto corrente postale n. 222737 intestato alla CCIAA di Lecce (causale: rinnovo concessione marchio di identificazione n. _______ LE – anno ______) per l’importo di:
 

  • € 32,00 se trattasi di aziende artigiane, di aziende commerciali con annesso laboratorio o di aziende importatrici;
  • € 129,00 se trattasi di aziende industriali fino a 100 dipendenti;
  • € 258,00 se trattasi di aziende industriali con più di 100 dipendenti.

Per ogni mese o frazione di mese di ritardo nel pagamento del diritto, è dovuta l’indennità di mora pari a un dodicesimo del diritto annuale.
Qualora il pagamento del diritto non venga effettuato entro l’anno, la Camera di Commercio provvede al ritiro del marchio di identificazione e alla cancellazione dal registro degli assegnatari, dandone comunicazione al Questore per l’eventuale ritiro della licenza di Pubblica Sicurezza.

Cancellazione dal registro degli assegnatari e ritiro del marchio di identificazione
La cancellazione dal registro degli assegnatari ed il ritiro del marchio avviene, oltre che per il mancato rinnovo annuale, anche per cessazione dell’attività.
La cancellazione dal registro e il ritiro del marchio comportano l’obbligo alla riconsegna di tutti i punzoni in dotazione riportanti il marchio di identificazione assegnato.

Riferimenti normativi:
D. Lgs. n. 251 del 22/05/1999
D.P.R. n. 150 del 30/05/2002  

D.M. 17 aprile 2015

Per ogni informazione contattare il personale dell’Ufficio Metrico – Viale Gallipoli 39 – piano terra
Tel. 0832.684299/325 mail: ufficio.metrico@le.camcom.it  pec: cciaa@le.legalmail.camcom.it